Translate

lunedì 22 ottobre 2012

UN SALUTO A TUTTI


Ancora qualche ora di sonno e poi si parte,mi assento per un po,cercherò di postare qualche notizia
se mi sarà possibile,mi piacerebbe inserire anche qualche foto ma credo che farò un po fatica ma mai dire mai. Un saluto a tutti.

venerdì 12 ottobre 2012

IL PETROLIO FINIRA' PRESTO. L'ESEMPIO DI CUBA



Lo so dura quasi un'ora,ma io me lo sono guardato tutto e penso che sia molto ma molto
interessante,è un consiglio spetta a voi la decisione se vederlo o no fino alla fine

venerdì 5 ottobre 2012

INFOTUR di Guanabo






Nella via principale di guanabo si trova l'ufficio di infotur,per chi fosse interessato a un fine settimana
o a qualche giorno o settimana di relax,spesso si possono trovare offerte per i vari luoghi cubani da sogno.
Un esempio qualche giorno a Varadero o una vacanza a cayo coco cosi per fare qualche esempio,
naturalmente anche molto altro.
Prenotare dall'italia costa di più e li sempre ci sono offerte.

domenica 30 settembre 2012

Auguri Barrio de Cuba






Oggi il forum Barrio de Cuba compie 6 anni.
Vorrei esprimere un cordiale saluto ai creatori di questa isola virtuale
e sopratutto tutte quelle persone che giorno dopo giorno lo sanno arricchire e rendere partecipi tutti noi.
Un particolare saluto e ringraziamento va anche a tutte quelle persone non più presenti virtualmente
che hanno anche loro contribuito a questo obiettivo di questo grande forum.
All'interno di questo forum vi sono indicazioni utilissime sulla nostra amata isola

http://forum.barriodecuba.it/forum/index.php

AUGURI

lunedì 24 settembre 2012

Biglietto trovato

Biglietto acquistato conto alla rovescia incominciato..... Questa volta cercherò di postare da la,sempre che si riesca a trovare una connessione nei dintorni e con poca fila davanti. Per questo viaggio stavo pensando di recarmi più spesso nella capitale e di passare un po di tempo a Varadero sdraiato in spiaggia come una aragosta (evitiamo di fare battute nel voler cambiare la parola ''aragosta'') comunque manca ancora molto.....

giovedì 13 settembre 2012

Hostal de Guanabo Video Clip Dayani



Video Clip realizado por la artista Dayani en el Hostal Guanabo una preciosa casa de descanso a alas orillas de una de las mas importantes playa de Cuba a solo 20 Kilometros de La Habana

venerdì 31 agosto 2012

Lavori in corso


Non c'è cosa peggiore svegliarsi col rumore del martello.
Un'altro po e lo amazzavo jajajajaja

mercoledì 22 agosto 2012

Viva Cuba


il tempo passa,ormai manco da 6 mesi,ma la mia testa è sempre la.
E incomincia ancora una volta il conto alla rovescia,
un tantino lungo ma il tempo passa,eccome che passa.

domenica 15 luglio 2012

DAL BLOG DI CUBANITE

Colera a Cuba: allarmismo ingiustificato!

Purtroppo si sa, quando si parla di Cuba, qualsiasi cosa succeda da queste parti scatta il sensazionalismo e l’allarmismo, quasi sempre ingiustificato.

Mi dispiace che il mio quotidiano italiano favorito, ovvero il Corriere della Sera sia sempre in prima linea, insieme a La Stampa, a sparare a zero, spesso prendendo notizie da fonti fuori Cuba non propriamente amiche del governo cubano che godono a mettere in cattiva luce La Isla.

Che ci siano a Cuba casi di colera è vero, lo hanno dichiarato immediatamente le autorità cubane ed un articolo in merito è stato pubblicato sul quotidiano Granma a inizio mese. Ci sono diversi casi nella cittadina di Manzanillo, provincia Granma, nell’oriente cubano, località abbastanza fuori dalle rotte turistiche. Probabilmente qualche infermiere o medico proveniente da Haiti ha portato il vibrione che ad ora ufficialmente ad oggi ha fatto 5 vittime, anziane e già debilitate. Ci sono parecchi i ricoverati e la zona di Manzanillo è sotto strettissimo controllo medico sanitario. La causa dell’epidemia sono le abbondantissime piogge fino a 15 gorni fa avevano fatto si che la falda acquifera venisse contaminata.

La popolazione di tutta Cuba è esortata ha usare le normali norme sanitarie, lavarsi spesso le mani, bere acqua preventivamente bollita. C’è da dire che le autorità cubane sono ben lontane dal sottovalutare un problema medico, se si ha il sospetto che una persona è contagiata viene immediatamente ricoverata e tenuta sotto stretta osservazione, questo spiega un buon numero di ricoverati. C’è da dire che in questo periodo gira per Cuba anche un’ influenza che causa febbre e problemi intestinali. Da considerare l’ottima preparazione dei medici, che sono stati in prima linea nell’emergenza di Haiti, farà si che l’epidemia, anche se forse è esagerato parlare di epidemia, sarà presto debellata. Da tempo è allo studio a Cuba un vaccino proprio contro il colera.

Ci sono rischi per i turisti di contrarre il colera?

Ritengo siano più che remoti, quasi inesistenti. Intanto per la localizzazione geografica del focolaio (a oltre 800 Km dall’Avana) e lontana dalle principali località turistiche, poi perchè soprattutto chi va in albergo trova acqua purificata. Il ghiaccio servito nei bar, alberghi e ristoranti è sempre prodotto con acqua pura.

Certo, meglio prendere qualche precauzione. Evitare di bere acqua del rubinetto – regola che ogni turista dovrebbe usare ai caraibi e in buona parte del mondo – lavarsi bene le mani, magari anche con un disinfettante, soprattutto dopo aver usato un bagno pubblico, non mangiare frutti di mare (ostiones) o pesce crudo o alimenti e bevande “por la calle” ovvero in cafeterias di dubbia igene.

Sono reduce da un piccolo viaggetto nel centro di Cuba insieme a mio fratello e famiglia venuti a trovarmi per la prima volta qui a Cuba. Abbiamo fatto il classico giro nel centro del Paese: Guamà, Playa Larga, Playa Giron, Cienfuegos, Sancti Spiritus, Cayo Santa Maria, Remedios e Santa Clara. In nessuno di questi posti – come qui all’Avana – ho percepito il minimo allarmismo e sentito di casi di contagiati.

Ovviamente se avrò notizie da uno dei tanti conoscenti medici qui all’Avana ritornerò sull’argomento.

martedì 10 luglio 2012

Ultim’ora Cuba. Bollettino colera: 3 decessi e tante, troppe trovate giornalistiche

Ultim’ora Cuba. Bollettino colera: 3 decessi e tante, troppe trovate giornalistiche



Dobbiamo intervenire per smentire seccamente il castello costruito ad arte per demolire la voce delle autorità e delle istituzioni cubane a scapito di qualche dissidente sconosciuto in cerca di gloria, il tutto ovviamente condito da pochezza giornalistica disarmante.

Parliamo del colera a Cuba. Cuba, come il nostro sito informa (e come ha informato da numeroso tempo: http://thisiscuba.net/fidel-castro-ad-haiti-altri-300-medici-cubani/), ha inviato sul territorio haitiano un ingente numero di personale medico e paramedico per contenere la diffusione del colera e monitorare la situazione soprattutto svolgendo continua prevenzione al fine di impedire la diffusione del batterio da possibili nuovi focolai.

il personale medico cubano ha dato l’esempio e continua a restare ad Haiti anche quando le telecamere dell’opinione pubblica si sono spente. tutto al mondo crea attenzione, crea un lampo di solidarietà che svanisce nel nulla e nella criminale indifferenza.

Lo vediamo anche nel nostro piccolo con l’iniziativa di adottare un bambino da parte del nostro sito, volta a sensibilizzare i lettori e permetterci di portare avanti una seconda donazione. Tanti messaggi, tante visite e richieste di aiuto e di informazioni sempre date, nessuna donazione. Per l’esattezza dieci euro in un due anni. Sarà la natura umana ma la beneficenza sotto i riflettori piace, la solidarietà all’ombra proprio no.

A Cuba da qualche giorno scoppia il caso colera. Il Ministero della Salute, per nulla in difficoltà dirama anche un comunicato al fine di mettere a tacere tutte le voci sul nascere. Tre morti tra i 66 ed i 95 anni, tutti già affetti da patologie croniche e quindi in precarie condizioni di salute. Non si sa quindi se possa essere stato il colera la sola causa di morte o se piuttosto sia imputabile al colera il solo aggravarsi delle condizioni di salute degli stessi. Il contagio è circoscritto alla provincia del Granma, monitorato, come lo sono i 53 contagiati che già stanno ricevendo tutte le cure del caso. Le cause annesse alla comparsa del vettore che ha provocato le morti ed i contagi, è derivante dal mix di piogge abbondanti degli scorsi giorni e dal gran caldo.

Piange il cuore dover sentire e vedere tutto l’ampio spazio che trovano le sciocchezze che partono da fonti incontrollate, fonti insane, ben più del colera stesso. Il periodico di Miami “El Nuevo Herald” non vede l’ora di dare la parola alla pazza repubblicana Ileana Ros-Lehtinen, che da una vita appoggia la violenza in ogni forma contro Cuba. Più volte è stata accusata d’aver preso parte attivamente ai tentativi di far uccidere Fidel Castro. Ad un documentario disse apertamente ”I welcome the opportunity of having anyone assassinate Fidel Castro” , augurandosi apertamente che qualcuno riuscisse ad uccidere Fidel Castro”. Secondo la rivista, l’intera provincia del Granma sarebbe nel panico, gli ospedali presi d’assalto non riuscirebbero più a contenere l’ondata accorsa. Insomma scene apocalittiche di cui oramai sono tutti consci tranne gli stessi cubani della provincia incriminata.

I soliti giornalisti dal dente avvelenato della stampa nazionale scrivono che sarebbero oltre un migliaio gli infettati e già 29 i morti accertati, accusando il governo di nascondere la situazione per impedire che la notizia incentivi i turisti a scegliere nel periodo clou qualche altra meta, creando danni ingenti ad una delle forme più importanti dell’economia cubana, il turismo. I giornalisti avrebbero quindi attinto da fonti non ufficiali e discutibili piuttosto che dare retta allo stesso Ministero della Salute.

Queste fonti sarebbero nientedimeno che delle rappresentanti delle Damas en Blanco, un gruppo di donnette che marciano vestite di bianco in segno di protesta contro la presunta oppressione del governo e che percepiscono nel medesimo tempo un bel qualitativo di biglietti verdi. Tutto il popolo cubano le addita come mercenarie al servizio degli stati uniti. Il membro che avrebbe fatto queste dichiarazioni si chiama Ana Celia Rodríguez. Ovviamente prove a supporto nessuna. Così come qualche altro dissidente che farnetica.

Insomma ogni occasione è buona per colpire Cuba e come in questo caso si utilizzano delle fonti assolutamente inaffidabili, le cui dichiarazioni vengono diffuse nel mondo come prova lampante del potere mediatico che ha chiunque si schieri contro Castro.

Altrettanto zitte e per questo colpevoli le fonte di informazioni nell’omettere il ruolo primario dei medici cubani e del governo stesso, nel prestare sempre a titolo gratuito e disinteressato i propri aiuti ad Haiti in tutti questi anni, assiduamente, con grande professionalità.

Quel che noi abbiamo sotto gli occhi è palese; da una parte c’è una notizia chiara emessa da un Ministero, dall’altro l’allegra combriccola fatta di quattro personaggi di basso profilo teatrale e con a carico un curriculum vitae degno de “I soliti idioti” intenti.

lunedì 9 luglio 2012

Situazione sotto controllo

Nota Informativa

El Ministerio de Salud Pública informa que durante las últimas semanas se ha venido reportando, en algunos territorios, una tendencia al incremento de las enfermedades diarreicas agudas, lo que ha estado influenciado por las altas temperaturas e intensas lluvias.

Una de las provincias que mayor incidencia ha registrado es Granma, correspondiendo la mayoría de los casos al municipio de Manzanillo, donde se ha producido un brote de infección gastrointestinal, de transmisión hídrica, a partir de la contaminación de varios pozos de abastecimiento local, lo cual se ha estado informando por los medios de prensa de ese territorio.

Se han atendido aproximadamente 1 000 pacientes, en lo que ha repercutido positivamente la pesquisa activa realizada a más del 98 % de la población del municipio.

En el total de pacientes atendidos, han sido identificados diferentes gérmenes, precisándose el diagnóstico del Vibrión Cholerae en 53 casos, de ellos 3 fallecidos adultos mayores, de 95, 70 y 66 años de edad, con antecedentes de enfermedades crónicas, a lo que se adicionó la infección gastrointestinal, por lo que se continúa en las investigaciones de rigor para determinar la causa real de muerte en cada uno de ellos.

Este brote de la ciudad de Manzanillo está controlado y su tendencia es a la reducción de casos, como resultado de las medidas higiénico-sanitarias y antiepidémicas que se están ejecutando, entre las que se encuentran el muestreo de los pozos de agua particulares y estatales, con la clausura de los contaminados, el abasto de agua clorada por las conductoras y en pipas para las zonas afectadas, la supresión de salideros de agua, limpieza de fosas e higienización, así como un programa de educación sanitaria a la población. Se cuenta con los recursos necesarios para la adecuada atención de los pacientes en todas las instituciones de salud.

Se exhorta a la población a cumplir las medidas sanitarias relacionadas con la higiene personal, del agua y los alimentos.

Ministerio de Salud Pública
2 de julio del 2012
"Año 54 de la Revolución"

domenica 27 maggio 2012

Che fine ha fatto?


Chi come me bazziga in questi luoghi da molti
anni,sicuramente ricorderà questo locale,
forse qui si è scritta una piccola pagina
della vita notturna di Guanabo.
Molti i pareri contrastanti,chi ne parla bene
chi ne parla negativamente,fatto sta che per
una questione di sicurezza fu chiuso un po di
anni fa e da allora anche se ci fu una timida
apertura non ebbe più successo.
Rimarrà sempre e comunque un luogo magico
per la vista panoramica che offre su Guanabo.

martedì 22 maggio 2012

Prima dell'atterraggio



Quando ci si prepara ad atterrare mi emoziono sempre,
come se fosse la mia prima volta,
poi una volta sceso lo sono ancora di più,
sarà la cubanite?

giovedì 3 maggio 2012

Quasi quasi


Avevamo il paese più bello del mondo e siamo
riusciti a rovinare tutto.....
quasi quasi ci faccio un pensierino.

mercoledì 25 aprile 2012

Bodeguita del Medio compie 70 anni a tutto Mojito

L'AVANA - ''Il mio Mojito alla Bodeguita e il mio Daiquiri al Floridita'' scrisse Ernest Hemingway riferendosi ai suoi due bar preferiti nell'epoca in cui si aggirava per le stradine dell'Avana vecchia negli anni Quaranta e Cinquanta. Il 26 aprile la Bodeguita del Medio celebra il suo settantesimo anniversario con una serie di manifestazioni assieme al Gruppo Palmares, che ne e' proprietario. Tra le varie iniziative e' prevista l'uscita di un compact disc con le venti canzoni piu' richieste e ascoltate nel celebre locale, da 'Hasta siempre comandante' ai temi di Compay Segundo e Buena Vista Social Club. Una vera e propria colonna sonora per i milioni di turisti che ogni anno visitano l'isola caraibica e almeno una volta arrivano nel tempio del Mojito per consumare, al prezzo di quattro dollari il rinfrescante cocktail a base di foglie di menta, succo di lime, rum, zucchero di canna, acqua tonica e ghiaccio, che in questi giorni si trasformera' addirittura in argomento di conferenze. E per il 26 e' prevista una cena di gala, che avra' inizio dopo la cannonata che segna le nove. Nel corso della serata saranno consegnati riconoscimenti alle persone che vi prestano servizio da almeno 15 anni. La Bodeguita apri' i suoi battenti il 26 aprile del 1942 per iniziativa del commerciante Angel Martinez, ed era all'origine un piccolo negozio di alimentari. Oggi, tra le centinaia di quadri che adornano le sue pareti, il posto d'onore e' ancora riservato alla foto che ritrae Hemingway assieme a Fidel Castro. RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

martedì 17 aprile 2012

Impresa italiana installa stabilimento per la dissalazione a Cuba



L'Avana, 11 apr (Prensa Latina) La ditta italiana Chematek S.p.A. impianterà stabilimenti per la dissalazione dell'acqua di mare e modificarla in acqua ultrapura per l'uso umano e industriale, spiegarono oggi fonti dell'entità.


In dichiarazione a Prensa Latina, lo specialista dei Servizi Tecnici di Chematek, Bienvenido Hernandez, spiegò che nell'attualità si sta montando l'impianto di alta tecnologia nelle termoelettriche ad Est de L'Avana, in quella di Nuevitas ed in Energas a Boca de Jaruco.

Questi impianti, segnalò lo specialista, convertono l'acqua del mare o di superficie (provenienti dai fiumi e dalle dighe) in acqua ultrapura per alimentare le caldaie ad alta pressione.

Hernandez sottolineò che le fabbriche usano la tecnologia di osmosi inversa con purificamento mediante resine di cambio ionico.

Fra i vantaggi menzionò la capacità di purificare da virus e batterie, più il basso consumo di prodotti chimici.

Mentre una fabbrica di scambio ionico “che è la tecnologia tradizionale” consuma 600 tonnellate di acido solforico e 400 di idrossido di sodio, quella che si trova a Nuevitas, per esempio, usa appena 10 di ognuno, fatto che riduce i costi di operazione e l'inquinamento del medio ambiente, indicò Hernandez.

Aggiunse che l'Impresa Cubahidraulica valuta la possibilità di estendere queste tecnologie alle comunità isolate per garantire l'approvvigionamento d'acqua potabile alla popolazione.

Da sette anni, ricordò il dirigente, nella termoelettrica Antonio Maceo, che si trova nell'orientale provincia di Santiago de Cuba, funziona una fabbrica che usa la tecnologia di osmosi che produce 150 metri cubici all’ora di acqua ultrapura “con eccellenti risultati”,spiegò.

Il binomio d’imprese italiane Chematek S.p.A. e Protecno, hanno installato a Cuba circa 30 impianti di diversi tipi, tra questi ci sono installazioni per rendere potabile e per la dissalazione dell’acqua o per il trattamento dei rifiuti.

Secondo il direttore generale di Protecno, Lorenzo Belbusti, il mercato cubano è di molto interesse per la sua ditta, ed è per questo che pensano di aumentare le somministrazioni.

Ambedue le ditte sono presenti nella IX Feria Internazionale della Costruzione, Fecons 2012, che si realizzerà fino al prossimo sabato a Pabexpo, con la presenza di espositori e impresari di 26 paesi.

giovedì 12 aprile 2012

Guardare oltre?


Inutile dirlo la nostra amata italia va a rotoli.
Visto che pensare o sognare attualmente non
costa nulla,chi ha pensato almeno una volta
di trasferirsi nella nostra amata isola?
Io sinceramente ci ho pensato più di una volta,
ma purtroppo nella condizione in cui sono
lo vedo molto difficile,
ma comunque rimane il fatto che quando
posso faccio un salto a trovare i miei
cari.

lunedì 9 aprile 2012

Tu ce l'hai piccolo io no


La riserva dell'acqua a Cuba è fondamentale,
visto che tutti i giorni per la calle l'acqua non c'è.
E' una delle prime cose che si notano,guardando una casa
ne esistono di vari tipi sia grandi sia più contenuti,
l'importante è ricordarsi che il giorno che c'è acqua
bisogna aprire il rubinetto.
Problema attuale che guanabo non ha in quanto tutti
i giorni viene erogata acqua (salmastra) con una pausa
se non erro veso sera attorno le 21 .
Ma sembra che anche guanabo........(non mi sbilancio).
Se adattassimo questo procedimento anche noi qui,visto
che le ns tubature sembrano dico sembrano in buone condizioni
forse si risparmierebbe un bel po di acqua.
Però noi non siamo ancora pronti per questo.

giovedì 5 aprile 2012

La cocinita si raddoppia

Grandi novità alla cocinita di guanabo,
sono stati sostituiti i vecchi tavoli
con altrettanti nuovi,ampiata la scelta
per quanto riguarda la cucina e spostato
in prima posizione il tavolo di creazione mojto


Tutto questo ha comportato un maggior flusso
di clienti,che data la fluenza è consigliabile
quando ci si sposta all'interno del locale
di prestare la massima attenzione a non imbattersi
in sssssPIACEVOLI disguidi.

sabato 24 marzo 2012

LA STORIA: Quell'abbraccio tremante tra Wojtyla e Fidel


Per favore, che ora è? E' la frase insolita che Giovanni Paolo II rivolse a Fidel Castro, appena sceso dalla scaletta dell'aereo all'aeroporto dell'Avana nel gennaio del 1998 per quello che fu sicuramente uno dei viaggi più significati di Papa Wojtyla Le parole precise, in verità, non le sentì nessuno, ma il gesto fu evidente: il Papa guardò il suo orologio, e poi rivolgendosi a Castro disse qualcosa; Fidel a sua volta guardò il proprio e rispose. Lo storico faccia a faccia tra i due sarebbe avvenuto il giorno dopo, il 22 gennaio, nel palazzo della Rivoluzione: immagini forti destinate a rimanere impresse a lungo nella memoria di molti anche perché il Papa già allora mostrava i segni della malattia. Sembrava che non dovessero finire mai, quegli scalini nell'atrio del Palacio, che Wojtyla volle salire con tutta la pena dei suoi anni e con tutta l'ostinazione del suo spirito. Di converso, sembrava che dall'alto, dove lo bloccava il protocollo, nel suo completo blu indossato per l'occasione, "El comandante" cercasse di sospingere il Papa con lo sguardo, di aiutarlo, nel timore che potesse inciampare proprio in quegli ultimi gradini di un cammino storico. "Ho temuto per lui", racconterà in seguito Castro.

Al termine della scala, le mani di entrambi, tremanti per la stessa malattia, si congiunsero in una stretta che era simbolica, politica, ma che era anche un gesto di amicizia tra due uomini anziani che al tramonto del loro tempo trovarono la forza di incontrarsi. In quell'incontro ci furono, una premura, quasi una tenerezza reciproca, che erano commoventi: nel braccio che di tanto in tanto Castro allungava per sorreggere il Papa nel cammino non privo di difficoltà, attraverso i saloni esagerati ed enfatici del 'Palacio' del leader della rivoluzione, c'era un rispetto che andava ben oltre il protocollo. Giovanni Paolo II e Fidel si scambiavano piccole frasi, arrancando lungo le corsie rosse, per spezzare l'imbarazzo della loro fatica. L'uno appoggiato al bastone, l'altro, Fidel, che era accanto, rallentando il passo delle sue gambe più lunghe, indicandosi, diceva, la sua gamba destra per dire all'ospite, all'amico, che anche a lui, qualche volta faceva male. E tra la parte protocollare dell'incontro fra il Papa e Castro e il colloquio a quattr'occhi seguito alla cerimonia, durato 45 minuti, i due leader si scambiarono anche qualche battuta. Fidel, rivolto all'ospite e accennando ai giornalisti presenti:"Santità, questi ci dovrebbero pagare. Ci sfruttano e non ci pagano".

E il Papa: "Sì, non pagano". Poco dopo l'allora segretario di Stato vaticano, cardinale Angelo Sodano, diceva a Castro: "Presidente, Lei lavora troppo". Fidel, alludendo al Papa: "Lo faccio con molto piacere, ma comunque è lui che oggi a Santa Clara ha lavorato di più ". Tra i due molto più loquace Fidel, dal cui volto traspariva un'evidente soddisfazione. Il Papa sbarcò all'Avana in quell'inizio del 1998, per una visita di cinque giorni, con il suo messaggio di speranza e il suo appoggio morale alla promozione dell'uomo, allo sviluppo della società e alla riconciliazione tra i cubani allo scopo, anche, di esigere il rispetto dei diritti umani e la possibilità per la chiesa a Cuba di beneficiare di maggiori spazi per la sua attività. Tremila giornalisti accreditati da tutto il mondo, migliaia di turisti. La sigla d'apertura della "fiesta grande" viene suonata dagli altoparlanti dell'hotel Nacional a L'Avana dove era stata allestita la sala Stampa, in una mattina di sole: dapprima irriconoscibili, poi incredibili salgono le note dell'Ave Maria di Schubert. Sarà così ogni mattina, per due settimane. Il momento più significativo fu la messa officiata dal pontefice sulla grande piazza della Rivoluzione alla presenza di una folla imponente e commossa. Nessuno poteva essere indifferente agli applausi che più volte interruppero l'omelia del Papa sulla libertà, la pace, la verità. Wojtyla troverà ancora in sé l'energia per indignarsi, gridare, scuotere i fogli del discorso. "Il Papa abbraccia con il cuore e la sua parola di incoraggiamento tutti coloro che subiscono l'ingiustizia". Fidel Castro era seduto in prima fila accanto a Gabriel Garcia Marquez. 'El Comandante' non aveva più assistito a una Messa da 53 anni.
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

giovedì 22 marzo 2012

Acqua dolce


non tutti sanno che a guanabo quando si apre
il rubinetto l'acqua è salata quindi direi proibitivo
berla.Quindi è assai frequente ibbattersi in questi
camion che consegnano l'acqua dolce da bere o cucinare.
Presto però pare che le tubazioni che stanno installando
lungo la via blanca saranno in grado di rifornire anche guanabo
con questa acqua dolce benedetta.
La gente però si divide,con l'acqua salata c'è acqua tutti i giorni
mentre con quella dolce sicuramente si procederà alla pari
di tutti gli altri (un giorno si uno no,oppure uno si due no ? )
mah si vedrà.

martedì 20 marzo 2012

Un nuovo arrivo in famiglia


finalmente è arrivata la tanto attesa perrita,
che ha ravvivato un po la nostra famiglia,
quando l'ho vista tra tutti gli altri non
ho resistito con quelle due orecchie enormi
ci ha fatto tanta tenerezza.
alla notte non si dormiva e tra pipì e pupu
in casa era meglio sempre camminare con gli occhiali.
il suo nome è linda

sabato 17 marzo 2012

lunedì 20 febbraio 2012

giovedì 16 febbraio 2012

Playas del este


Sono proprio curioso di vedere cosa è
cambiato in questi 4 mesi,
sinceramente ho tanta voglia di mettermi
un bel paio di ciabatte,non ne posso più
di questa roba adosso.

venerdì 10 febbraio 2012

Manca poco


Ancora una decina di giorni e poco più
e si ritorna al caldo.
Questa volta però la voglia è supertantissima
visto il freddo che sta facendo qui in questo momento.
Si parla di oltre 26 gradi giornalieri,cosa molto
gradita direi.

lunedì 6 febbraio 2012

Non ci resta che.......



non so cosa darei per essere al caldo adesso!
per il momento mi tocca riderci sopra
che bravi sti ragazzi!

venerdì 3 febbraio 2012

Bloccato in casa


Costretto a rimanere in casa,perchè fuori
nevica forte allora non mi rimane che chiudere
gli occhi e pensare........
stasera si va a ballare....si nel letto
guanimar disco

sabato 28 gennaio 2012

su e giu'



tanti anni fa l'ho fatta in bicicletta,
dopo tanti anni ho ancora il fiatone!
si a urlare in discesa perchè le
biciclette cinesi non frenano.....

giovedì 19 gennaio 2012

Sole su Guanabo


Nell'ultimo viaggio che ho fatto,questa giornata di sole
è stata una delle poche che ho potuto godermi.
Mai cosi tanta acqua nei miei viaggi.
Chissenefrega diceva un mio amico....
meglio prendere l'acqua qui che a casa
come dargli torto......

domenica 15 gennaio 2012

Papaya?

Papaya? Biofermentata è meglio
Efficace antietà, combatte i danni provocati dai radicali liberi


Mettete insieme un po’ di smog e fumo di sigaretta, un’alimentazione carente di vitamine, lo stress dei tanti impegni familiari e di lavoro. Otterrete un mix esplosivo per la salute con conseguente aumento dei radicali liberi e l’abbassamento delle difese immunitarie. Il risultato? Stanchezza cronica, invecchiamento della pelle e del cervello e maggiore esposizione alle patologie stagionali. Come difendersi allora? Mangiare più frutta fresca è certamente un’ottima soluzione. Soprattutto quando la scelta cade sulla papaya.

Quante virtù
La “fruta de bomba” di cui tanto si parla è molto ricca di sostanze preziose: contiene fibra e calcio oltre a caroteni e carotenoidi, precursori della vitamina A. Inoltre ha una buona percentuale di vitamina B e una dose discreta di C. È particolarmente indicata per i bambini, perché li protegge dalle infezioni e aiuta i loro fondamentali processi della crescita.
Il frutto fresco, però, non è in grado di svolgere attività sul sistema anti-ossidante endogeno o incrementare le difese immunitarie che vengono attivate, invece, se il frutto è sottoposto a bio-fermentazione.

tratto da Redazione Staibene.it

giovedì 12 gennaio 2012

L'abitazione reale


Inutile sottolineare che quando ci si affeziona
ad una abitazione è difficile poi cambiare,
attendere il tramonto seduti comodamente
di fuori non ha prezzo.(moschitos permettendo)

giovedì 5 gennaio 2012

La sindrome della chancleta



Non so,sarà il freddo sarà l'età,
ma spesso mi chiedo come sarebbe
la vita indossando sempre le ciabatte.
Nel mio ultimo viaggio ho esagerato
quasi tutta la vacanza in ciabatte,
quando mi sono messo le scarpe per tornare
in italia mi ha fatto uno strano
effetto......

lunedì 2 gennaio 2012

Spostandosi verso Campo Florido




Venderei l'anima se potessi spendere i miei
ultimi giorni e riposarmi per
sempre in questi luoghi.