mercoledì 29 ottobre 2014

L48 in attesa (live)

Qui a Parigi la temperatura é gradevole però é presente un po di nebbia.

sabato 25 ottobre 2014

Il centro di Guanabo

Una volta c'era un bel traffico al centro di guanabo,adesso se parcheggi al lato della strada ti becchi
la multa.

mercoledì 22 ottobre 2014

Casas de rentas en Guanabo





Per chi avesse bisogno di una sistemazione anche di pochi giorni si può rivolgere a questo mio amico.
Oltre ad avere la sua casa particular,si cimenta anche come procacciatore.

tel. 0053-52645881 cell

abit. 0053-7-7960132   (da fuori cuba),    ( a cuba 7-960132)

e più economico come email .     jaimeguanabo@gmail.com




http://cubaguanaboedintorni.blogspot.it/2011/02/quale-zona-di-guanabo-scegliere-per-la.html



martedì 21 ottobre 2014

La bellezza oltre oceano

 Sul piano etico il culo è più onesto della faccia, non inganna, non è maschera ipocrita.

 Se cercando una mano nel buio trovi invece un culo, pensa alla ricchezza e al mistero del buio.

 Meglio una donna bassa con il sedere alto che una alta con il sedere basso.

 Un fondoschiena veramente ben fatto è l'unico legame tra Arte e Natura. 



giovedì 16 ottobre 2014

Nuevo Carné de Identidad en Cuba, desde el 29 de octubre

Todos tenemos un nombre, una fecha de nacimiento, una ascendencia que nos dan nuestros padres, una vida, y toda una serie de datos que comunican información sobre la propia individualidad. El documento que nos identifica con quienes somos realmente no es sólo una carta de presentación sino un instrumento para facilitarnos trámites imprescindibles. Esta es una de las razones por la que los cubanos tendremos un nuevo Carné de Identidad.
El miércoles 29 de octubre en una oficina ubicada en Alamar, en el municipio Habana del Este, se iniciará este proceso, más adelante se realizará en los demás municipios capitalinos, y en el 2015 en toda la isla desde occidente hasta oriente.
El cambio de carné no tiene plazo alguno, y siguen vigentes todos los anteriores documentos de identidad entregados desde 1974 hasta la fecha, incluidos los carnés de menores; por tanto no hay necesidad de apresurarse, ya que este será un trámite que se llevará a cabo paulatinamente y todos los cubanos tendremos la ocasión de hacer el cambio.
La información fue ofrecida en conferencia de prensa por el Coronel Mario Méndez Mayedo, primer segundo Jefe de la Dirección de Identificación, Inmigración y Extranjería. El Coronel Méndez hizo una exposición de las diferentes etapas que anteceden al nuevo carné del 2014.
Recordó que antes de 1959 en Cuba no existía un sistema de identidad, había otras formas de identificación personal pero nunca tan organizadas como la actual, y que fue en 1971 cuando se realizó el primer registro de Población. Ya en 1974 se entregó el primer carné de identidad en forma de librito que hoy conservan un grupo de personas y que continúa vigente.
El 1992 se les tomaba las huellas digitales a todos los que cumplían 16 años de edad, y en 1998 cuando se produjo el paso del librito al carné tipo tarjeta, con cobertura plástica y con más elementos de seguridad.
En el 2006 se laboró en la concentrar la información en una base de datos y en el 2007 hubo un avance sustancial: la existencia de un sistema de impresiones dactilares automatizadas. En el 2012 se creó un nuevo sistema de identidad que jugó un importante rol en el tema migratorio, y ahora en el 2014 todo está listo para proceder en un cambio de Carné.

Ventajas

Las ventajas del nuevo documento fueron explicadas por el Coronel Méndez. En primer lugar facilita la identificación plena de los ciudadanos con la inclusión de datos biométricos; los trámites a realizar con este nuevo carné serán más ágiles y eficientes, su soporte físico es más resistente; permite la solicitud y obtención de datos y la identificación de personas desde cualquier Oficina del Carné de Identidad del país; ofrece además el servicio de fotografía, ya el interesado no tendrá que encargarse traer sus fotos.
La firma y la fotografía son incorporadas en una base de datos inteligente, y el sistema verifica que esos datos no pertenezcan a otra persona. El proceso de identificación se realiza de forma automatizada y en pocos segundos se ejecuta la búsqueda sobre una base de millones de impresiones dactilares y rostros previamente registrados.
Los trámites para hacer el cambio son bien sencillos: el solicitante se presentará con un sello de 25 pesos en moneda nacional, en cualquier oficina de trámite de Carné de Identidad del país (no tiene que ir específicamente al de su lugar de residencia), allí ofrecerá sus datos, será fotografiado y dentro de más menos una semana podrá recoger su documento de identidad, o podrá encargar a otra persona que lo haga.
El nuevo carné con relación al actual tiene las siguientes cualidades: holograma asociado al laminado; micro texto; tramas de seguridad; imagen fantasma de la fotografía y zonas de lectura mecánica.
Una vez iniciado el proceso de cambio, para solicitar un nuevo carné en todos los casos se requerirá un sello de timbre por 25 pesos MN, además de los siguientes requisitos:
  • por arribo a 16 años, presencia física de uno de los padres o en su defecto el tutor legal;
  • por deterioro, un antiguo documento de identidad;
  • por pérdida sólo el sello; por licenciamiento de las FAR, documento emitido por las FAR;
  • por egreso de establecimiento penitenciario, el documento de centro penitenciario;
  • por cambio de domicilio permanente, documento legal que acredite la titularidad o el derecho ocupacional de la vivienda, presencia física de al menos uno de los propietarios del inmueble, de existir más de uno los demás pueden enviar su aprobación por escrito.
Acerca de las ventajas del nuevo documento está la identificación de personas ante cualquier accidente o desastre natural, fortalece el control migratorio en las fronteras, y permite incluir en un futuro datos de voz, ocular y de ADN. Será un título de identidad que se insertará a los parámetros utilizados en el contexto mundial.
Sobre los elementos facilitadores que tendrá el carné el coronel Méndez respondió a Cubadebate que el documento tiene habilitado determinadas cualidades que podrán usarse en el futuro para gestiones en cajeros automáticos, controles de acceso y otros.
Los diversos malos “usos” del carnet actual fue un tema obligado, principalmente en entidades y comercios donde exigen el carné de identidad en los guarda bolsos.
Tal práctica fue calificada como un uso indebido del carné, pues dichos centros incumplen con lo establecido y legislado en este sentido, pues es éste un documento de uso estrictamente personal y no debe estar en otras manos que no sean las del interesado.
Fonte Cubadebate

sabato 11 ottobre 2014

The Washington Post: contro l’Ebola nessuno come Cuba

Mentre la comunità internazionale è stata accusata di pigrizia di fronte alla crisi dell’ebola, Cuba, un paese di soli 11 milioni di persone che ha ancora di un rapporto teso con gli Stati Uniti, è diventato un fornitore cruciale di esperienza medica nelle nazioni dell’Africa Occidentale colpite dall’ebola.
Giovedì (2 ottobre), 165 operatori sanitari del paese sono arrivati a Freetown, Sierra Leone, per unirsi alla lotta contro l’ebola, la squadra medica più grande che è arrivata da qualunque nazione straniera, secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS). E dopo aver ricevuto l’addestramento per trattare con l’ebola, circa 296 medici e infermiere cubani andranno in Liberia e Guinea, gli altri due paesi più colpiti dalla crisi.
Cuba, da qualunque punto di vista, non è un paese ricco. Aveva un Prodotto Interno Lordo (PIL) di poco più di 68 miliardi di dollari nel 2011, secondo la Banca Mondiale, suolo un paio di punti in più della Bielorussia. Con 6051 dollari, il suo PIL pro capite era meno della sesta parte di quello della Gran Bretagna. Tuttavia, la sua risposta ufficiale all’ebola sembra molto più solida di quella che paesi molto più ricchi possono apportare – una evidenza in più che i professionisti della salute sono all’altezza del rum e dei tabacchi in termini delle esportazioni cubane.
Il sistema universale di attenzione della salute di Cuba permette questa esportazione. Il paese ha nazionalizzato i suoi servizi della salute poco dopo la sua rivoluzione, mettendo fine alla sanità privata e garantendo l’attenzione medica gratuita nella sua Costituzione. I risultati sono stati ampiamente elogiati. Nel 2008, valutando 30 anni in questo campo, l’OMS stimava “la rivoluzione dell’attenzione primaria della salute” di Cuba, con avanzamenti impressionanti in certi indicatori della salute. “Questi indicatori – che sono vicino o uguali a quelli dei paesi sviluppati – parlano da soli”, ha segnalato Gail Reed, che richiamava l’attenzione su una grande riduzione nel numero di morti di bambini minori di cinque anni e l’alta speranza di vita di Cuba, 77 anni.
Il successo della salute di Cuba si basa sulla sua formazione medica. Dopo la rivoluzione cubana, fuggì la metà dai 6.000 medici del paese e il paese si vide obbligato a ricostruire la sua forza lavoro. Il sistema di formazione è cresciuto tanto che per il 2008 stava preparando 20.000 stranieri all’anno a essere medici, infermiere e dentisti, in larga misura in forma gratuita.
Il caso dell’ebola non è la prima volta che i lavoratori della salute cubani sono stati inviati a far fronte a un disastro globale. Già nel 1960, immediatamente dopo la Rivoluzione, Cuba mandò medici in Cile per aiutare nelle conseguenze di un devastante terremoto, e la pratica ha continuato da allora per decenni. Nel 2005, Cuba si offrì a di mandare personale medico negli Stati Uniti dopo l’uragano Katrina nel 2005 (che a quanto pare furono respinti).
 Reuters riferisce che Cuba ha attualmente circa 50.000 operatori sanitari in 66 paesi.
 Oltre agli atti straordinari dell’assistenza umanitaria, la diplomazia medica normalmente serve spesso a scopi più pratici – una stima di 30.000 operatori sanitari, per esempio, si trovano attualmente in Venezuela, che compensa in parte con il petrolio.
L’esportazione di conoscenza medica prevede che produrrà per Cuba un’entrata netta di 8.200 milioni nel 2014, secondo una relazione recente nel giornale statale Granma. Ci sono speranze che il turismo medico e l’esportazione di tecnologie mediche potrebbero un giorno fornire cifre simili.
Non è una semplice foto. I critici si sono lamentati che Cuba ha cominciato a sacrificare la salute dei suoi cittadini in casa per guadagnare denaro con l’invio di lavoratori medici all’estero, e le condizioni di questi lavoratori della salute hanno ricevuto critiche. Il giornale Los Angeles Time ha riferito agli inizi di quest’anno che un numero importante di operatori sanitari cubani in Venezuela sono fuggiti dal paese per scappare dagli schiaccianti carichi di lavoro. (*)
Anche così, l’enorme risposta di Cuba alla crisi dell’ebola sembra avere lasciato da parte queste critiche, almeno per adesso. Il numero di personale medico cubano in Sierra Leone, Liberia e Guinea sembra che sia maggiore che l’insieme di quelli inviati da paesi molto più grandi come la Cina. Israele, un paese ricco con una popolazione simile, ha provocato una polemica questa settimana respingendo la convocazione per l’invio di squadre mediche.
“Il denaro e i materiali sono importanti, ma queste due cose da sole non possono fermare la trasmissione del virus dell’ebola”, ha detto il mese scorso la dottoressa Margaret Chan, direttrice generale dell’Organizzazione Mondiale della Salute. “Le risorse umane sono chiaramente la nostra necessità più importante”.
(da The Washington Post. Tradizione in spagnolo di Cubadebate)
(*) NOTA DI CUBADEBATE: Parlando delle prestazioni della salute a Cuba e della migrazione di alcuni lavoratori della salute dalle missioni, The Washington Post, ignora o trascura alcuni elementi di analisi che ci sembra importante sottolineare:
- Nonostante le migliaia di medici cubani in missioni di solidarietà, Cuba continua a stare tra i primi 5 paesi del mondo con maggiore proporzione di medici per abitante che prestano servizio nel suo sistema nazionale della salute. Gli indicatori della salute della popolazione non sono retrocessi in questi anni, ma continuano a migliorare qualitativamente.
- Il paese ha intrapreso un ampio piano di riparazioni delle sue strutture sanitarie e di perfezionamento del suo sistema di assistenza, approfondendo con i servizi nelle insoddisfazioni riconosciute.
- Gli Stati Uniti sviluppano un programma per incoraggiare l’esodo di professionisti della salute cubani che compiono missioni in altre nazioni, al quale destinano risorse finanziarie e umane, oltre a concedere l’ingresso accelerato in territorio nordamericano di questi professionisti; anche se questo non significa garanzia lavorativa nel sistema sanitario nordamericano.
Nella foto (FLORIAN PLAUCHEUR / AFP / Getty Images / Washington Post): I primi membri di una squadra di 165 medici cubani e operatori sanitari scaricano se stessi le scatole di medicine e materiale medico da un aereo al suo arrivo all’aeroporto di Freetown per aiutare la lotta contro l’ebola in Sierra Leone, il 2 ottobre di 2014.
Traduzione: Redazione di El Moncada
http://www.cubadebate.cu

giovedì 9 ottobre 2014

Ebola, lotta al virus: Cuba e Italia in prima linea

Più informazioni su: Africa, Cooperazione Internazionale, Cuba, Italia, Oms, Ricerca Scientifica, Spagna, Virus Ebola.

 Il dilagare dell’Ebola, il terribile morbo infettivo che ha già causato migliaia di morti in Africa e rischia di espandersi anche in altre parti del pianeta, è dovuto in primo luogo alle criminali politiche di smantellamento dei sistemi sanitari imposte dalle istituzioni finanziarie internazionali e dall’agenda mondiale del potere finanziario. Come spiega Sheri Fink, in un articolo pubblicato sul New York Times ripreso da Internazionale di qualche settimana fa, i tagli al bilancio dell’Organizzazione mondiale della sanità, hanno compromesso la sua capacità d’intervenire, a fronte dell’assoluta impossibilità dei poverissimi Paesi africani colpiti, non dotati di alcun sistema di assistenza sanitaria, di farvi fronte. Scrive Fink: “Le unità specializzate nella risposta alle epidemie e alle emergenze sono state ridotte drasticamente, i medici protagonisti delle passate battaglie contro l’Ebola e altre malattie hanno lasciato l’organizzazione, e molti di loro non sono stati sostituiti”. Il vicedirettore dell’Organizzazione, Fukuda, ha dichiarato che “le modifiche di bilancio hanno colpito le strutture incaricate di rispondere alle grandi epidemie”. E’ del resto tutto il sistema sanitario mondiale che, basato sulle necessità di profitto delle multinazionali farmaceutiche si orienta, secondo la legge del mercato, a far fronte ai bisogni della “clientela solvibile”, trascurando le epidemie che colpiscono i settori più poveri della popolazione mondiale. Ne risulta un evidente effetto boomerang, dato che questi focolai incontrollabili minacciano di espandersi a macchia d’olio e che i virus molte volte riescono a diffondersi superando ogni barriera nazionale o di classe. Di fronte a questa catastrofe sanitaria dalle dimensioni e dagli effetti ancora non precisamente quantificabili, vale la pena di mettere in rilievo anche alcuni fatti positivi, in netta controtendenza rispetto ai fallimenti della cooperazione internazionale. In primo luogo l’impegno di Cuba di inviare in Sierra Leone, uno dei Paesi maggiormente colpiti dal morbo, una brigata di 165 medici e operatori sanitari. Scelta che ha ricevuto comprensibilmente il plauso del Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki Moon, che ha dichiarato che altri Paesi dovrebbero seguire l’esempio cubano. Com’è noto sono attualmente ben cinquantamila i medici e operatori sanitari cubani operanti in ben sessantasei Paesi del mondo. Cinquantamila “eroi dei nostri tempi” per dirla con il comandante Fidel in uno dei suoi più recenti editoriali sul Granma. Eroi al pari del giovane deputato rivoluzionario venezolano Robert Serra assassinato in casa dai fascisti insieme alla sua compagna. Un contributo, quello cubano, la cui eccezionale importanza è stata onestamente riconosciuta anche dal Washington Post che ricorda anche l’apprezzamento dell’Oms per il sistema sanitario cubano, apprezzamento che vale ben più delle critiche di qualche interessato o disinformato denigratore. Ma in questo caso occorre anche sottolineare l’estrema positività di un risultato conseguito dalla ricerca medica italiana, con la messa a punto, nei laboratori di un Centro di ricerca situato a Napoli, di un vaccino contro l’Ebola. Risultato tanto più importante a fronte del più volte denunciato disimpegno di governi attuali e passati nei confronti della ricerca, a proposito del quale occorre condividere l’auspicio del direttore del Centro come tale importante risultato contribuisca a far attribuire alla ricerca la sua giusta importanza, considerando che “spesso, erroneamente, in Italia si pensa che investire sulla ricerca sia un investimento a perdere e invece la ricerca – a, se ben fatta, può essere il vero volano dello sviluppo economico“. Occorre del pari far sì che il vaccino sia messo al più presto a disposizione dell’Organizzazione mondiale della sanità e degli operatori attivi nella zona di diffusione del morbo, senza pagare prezzi eccessivi alla multinazionale che ha di recente acquisito il Centro. E’ sulla base di impegni e risultati di questo tipo che va rilanciata la necessità cooperazione internazionale in materia, che si rivela assolutamente indispensabile per combattere e sconfiggere le epidemie del Terzo Millennio, prodotto di un mondo sempre più diseguale e abbandonato a stesso. Occorre quindi pervenire al più presto a un Accordo bilaterale fra Italia, Cuba e Oms per la lotta all’Ebola e la cooperazione sanitaria internazionale.
 di Fabio Marcelli | 8 ottobre 2014

mercoledì 8 ottobre 2014

Il cambio a Cuba (Euro / Dollaro Usa)

Inutile negare che il nostro euro sta soffrendo,una manovra della banca europea ha dato vita al ribasso della nostra moneta,positivo per i mercati,negativo per il cambio nelle banche e cadecas a cuba.Ad ora Ultimo Prezzo : 1,265 +0,30% (14.37),che in definitiva dovrebbe circa essere 1 euro a 1,22 cuc circa,cambio a cuba ancora buono, ma ben preoccupante sarebbe se scendesse ancora,cosa che sembra aspettata in tempi brevi.

martedì 7 ottobre 2014

Playa del Este

che culo sarebbe poter stare in questo momento li sdraiati al sole......

mercoledì 1 ottobre 2014

Guanabo-Alamar e ritorno

Fare un bel pezzo di strada per arrivare alla panaderia per comprare i dolci ''san francisco'' per la colazione è da pazzi, e io sono pazzo!