Translate

venerdì 25 dicembre 2015

Buon Natale

Tanti auguri a tutti. Da ieri e'in funzione ad alamar in zona 6 il wifi.

giovedì 17 dicembre 2015

Tostones ripieno.......

Tostones che si mangiano alla terracita a cojimar

giovedì 22 ottobre 2015

domenica 20 settembre 2015

Papa Francisco è arrivato a Cuba

http://it.granma.cu/papa-francisco-a-cuba/2015-09-19/papa-francisco-e-arrivatoa-a-cuba

mercoledì 2 settembre 2015

Falleció Giustino Di Celmo


En el día de ayer 1ro. de septiembre, en
horas de la noche, falleció en la capital, a la
edad de 94 años, Giustino Di Celmo, amigo
entrañable de la Revolución Cubana y de
nuestro pueblo.
Giustino nació en Salerno, Italia, el 24 de
diciembre de 1920. Comerciante de profesión,
llegó a nuestro país por primera vez en
1992, junto a su hijo Fabio Di Celmo.
En los años más difíciles del periodo especial,
desafió el bloqueo y las amenazas que se
cernían contra Cuba, brindando ayuda en la
obtención de mercancías deficitarias para el
pueblo cubano.
El 4 de septiembre de 1997, Fabio fue víctima
de un acto terrorista en el vestíbulo-bar
del hotel Copacabana en la capital que segó
su vida y devino símbolo para los jóvenes
cubanos y del mundo.
Bajo la pena y el dolor por el asesinato de
su hijo, Giustino Di Celmo—veterano de la
Segunda Guerra Mundial, luchador antifascista
y hombre de paz— decidió vivir definitivamente
en Cuba y dedicó los últimos años
de su vida a la denuncia de los actos terroristas
contra nuestro país desde las más diversas
tribunas; no cesó de abogar por la solidaridad
internacional con Cuba y el levantamiento
del bloqueo genocida impuesto por el gobierno
de Estados Unidos. Fue un abanderado en
la batalla por la liberación del niño Elián
González durante el secuestro por la mafia de
Miami, y el regreso definitivo a la Patria de los
Cinco Héroes cubanos que cumplieron cruel
e injusta prisión en cárceles norteamericanas.
Plenamente identificado con los principios y
la obra de la Revolución, luego de la pérdida
de su hijo, por voluntad expresa, solicitó su
ingreso en las filas del Partido Comu nista de
Cuba, condición excepcional que le fue concedida
el 30 de septiembre de 1997.
Con su ejemplo, Giustino cautivó el cariño
y la admiración del pueblo. Su nombre quedará
inscripto como ejemplo de solidaridad
con nuestra Patria.
En atención a la voluntad de sus hijos, su
cadáver será cremado y, con posterioridad,repatriado a su país de origen.

martedì 1 settembre 2015

Exportación de piña avileña aporta divisas a Cuba



CIEGO DE ÁVILA.—La exportación de 700
toneladas de piña a Europa cosechada en los
primeros ocho meses del año en tierras avileñas,
permitió la entrada de divisas a la economía
nacional mediante un proyecto que cobra
fuerza.
En solo 70 hectáreas de la variedad MD-2, la
producción promedió a 88 toneladas en cada
una, lo cual proporcionó, además, el su ministro
de algunos volúmenes al sector del tu rismo,
dijo a la prensa el ingeniero Wilver Bringas,
director general de la Empresa Agro industrial
Ceballos.
Hubo productores que acopiaron hasta 125
toneladas en igual superficie, lo que demuestra
la validez de la importación hace cinco años de
posturas de esa especie desde Costa Rica, la
nación latinoamericana más desarrollada en el
cultivo de la MD-2, agregó Bringas.
El objetivo es enviar otras 200 toneladas a
Italia, España y Francia en lo que resta de año,
con perspectivas de incrementar la comercialización
a más países del Viejo Continente,
indicó por su parte el ingeniero Reinaldo de
Ávila, a cargo del desarrollo frutícola aquí.
Dijo que el incremento productivo no tiene
precedentes y está relacionado con una ex -
quisita atención cultural al cultivo, que demanda
de fuerza laboral calificada, cuyo salario
mensual por trabajador es de 1 500 pesos, aparte
de otros beneficios en la atención al hombre.
Este tipo de labranza requiere de cuidados
exactos, tales como drenaje, nivelación de los
suelos, riego de agua, fertilizantes, pesticidas
y otros insumos.
Ellos disponen de un centro beneficiador
del fruto que incluye cepillado, fumigación y
encerado seco, enmarcados en la excelencia
para cumplir las exigencias de los clientes.
El programa de siembra hasta el 2020 estipula
el completamiento de 2 500 hectáreas
de piña MD-2, que contribuirá a acrecentar
los contratos comerciales internacionales,
los mercados internos y la industria, que hoy
solo tiene acceso a las frutas que no cumplen
los requerimientos exportables.
En los últimos años Ciego de Ávila au -
mentó el fomento de la piña Española Roja en
tierras de cooperativas campesinas, renglón
que aporta más de 20 toneladas por hectárea
(el doble de a principios del actual siglo) para
la industria, el turismo y los mercados locales.
(AIN)

martedì 18 agosto 2015

Missionario riminese torna da Cuba malato di dengue

Missionario riminese torna da Cuba malato di Dengue, ricoverato all'Infermi
Il religioso ha iniziato a sentirsi male poco prima di Ferragosto al rientro dal paese caraibico dove svolge la sua missione


 Missionario riminese torna da Cuba malato di Dengue, ricoverato all'Infermi
E' ricoverato nel reparto Infettivi, dove comunque le sue condizioni non destano preoccupazioni nei medici, un missionario riminese 67enne colpito dalla Dengue. Il religioso, tornato a Rimini da Cuba dove svolge la sua missione, alla vigilia di Ferragosto ha iniziato ad accusare una forte febbre e dolori alle articolazioni tanto da dover ricorrere alle cure del pronto soccorsi. I medici dell'Infermi, dopo aver scoperto che il 67enne era tornato recentemente dal paese caraibico, hanno deciso di effettuare alcuni esami specifici scoprendo il virus e facendo così scattare i protocolli del caso. La Dengue si trasmette attraverso la puntura delle zanzare e, in collaborazione con Anthea, è stata effettuata una disinfestazione ambientale nei luoghi dove il missionario si è recato.


fonte  http://www.riminitoday.it
 


Potrebbe interessarti: http://www.riminitoday.it/cronaca/rimini-missionario-riminese-torna-da-cuba-malato-di-dengue-ricoverato-all-infermi.html#
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RiminiToday/109419352490262

 


Potrebbe interessarti: http://www.riminitoday.it/cronaca/rimini-missionario-riminese-torna-da-cuba-malato-di-dengue-ricoverato-all-infermi.html#
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RiminiToday/109419352490262

sabato 15 agosto 2015

Discovery Channel confirma la leyenda del 'Monstruo de Cojimar'

En 1945, seis pescadores embarcaron desde Cojimar para encontrar un supuesto monstruo que se estaba devorando los peces del área, dejando vacías sus redes. Según cuenta la historia, los hombres zarparon al mar teniendo como herramientas solo cuerdas y arpones. Los pescadores lograron enganchar a la criatura que le estaba robando sus peces, pero se enfrascaron en una lucha que duró toda una noche y el próximo día antes de llegar con el 'monstruo' a las costas.
Cuando los pescadores finalmente arrivaron al puerto de Cojimar, los residentes del área se quedaron sorprendidos al ver que la criatura era un tiburón blanco de 21 pies de largo y poco más 7 mil libras de peso.
Hasta el día de hoy la historia del 'Monstruo de Cojimar' había quedado como una leyenda pues la historia no había sido aún confirmarda. Pero 70 años después Discovery Channel confirmó la leyenda, convirtiendo así a 'El Monstruo' el tiburón blanco más grande jamás capturado.
La única evidencia que existe que demuestra que 'El Monstruo de Cojimar' sí existió es una foto en blanco y negro en la que se ve al tiburón gigante y a unos diez niños sentados sobre él.
'El Monstruo de Cojimar', el tiburón blanco más grande jamás capturado.
Pero además de la foto, el equipo de documentalistas logró conversar con un hombre, quien ahora tiene 78 año que estuvo presente el día que los seis pescadores llevaron al increíble tiburón hasta las costas de Cojimar.
El equipo de documentales de Discovery comenzó a trabajar la historia hace dos años y debido al embargo de Estados Unidos que pesa sobre Cuba, la vida marina alrededor de la isla permanece casi inalterada, cosa que estos documentalistas se dieron a la tarea de filmar y hacerlo parte de su trabajo llamado Tiburones: The Sharks of Cuba, esto como parte de sus especiales de la 'Semana de los Tiburones'.
La expedición unió a científicos cubanos y estadounidenses con el objetivo de saber si todavía existen los tiburones 'grandes' en esta área del mundo aún sin explorar. El equipo de cineastas junto con los investigadores realizaron una expedición bajo las aguas de la costa norte y sur de Cuba, incluyendo áreas nunca antes exploradas.

fonte univision

mercoledì 5 agosto 2015

La fiction italiana girata a Cuba e arrivata in tivù con 20 anni di ritardo

La fiction italiana girata a Cuba e arrivata in tivù con 20 anni di ritardo
L’attenzione sull’Isola ha riportato alla luce la miniserie girata da Renzo Badolisani e interpretata da Debora Caprioglio. In questi giorni in onda su Rai Premium 


 Effetti collaterali. Obama dialoga con Castro, apre a Cuba, finisce l’embargo. E dagli archivi Rai riemerge, 20 anni dopo, Isola Margherita, miniserie diretta da Renzo Badolisani, che proprio a Cuba venne girata. Prima e unica produzione italiana di questo tipo, non era mai andata in onda. Rai Premium l’ha programmata nel cuore di quest’estate: il 31 luglio la prima puntata, oggi e domani la terza e quarta puntata (ore 15). Badolisani, allora trentenne, torinese di formazione, autore di un piccolo cult anni 80 come I ragazzi di Torino sognano Tokyo e vanno a Berlino, tra i registi della prima avventurosa stagione di Centrovetrine, parla di “Isola” perduta.

Cosa accadde?
«Bastò che cambiasse il direttore di rete e il responsabile del progetto andasse in pensione. A Rai1 iniziarono a procrastinare, a prendere tempo. Anche la Tiber che lo aveva prodotto chiuse. Così Isola si “perse” nelle teche».

E lei?
«Periodicamente tornavo a perorarne la causa. Oggi Cuba è di moda, riportata d’attualità dalle scelte politiche americane. Sui canali digitali tematici c’è spazio anche per le opere dimenticate. E poiché Rai Premium è nel bouquet di Rai International, Isola Margherita verrà vista nel mondo».

Come mai Cuba?
«Un caso di delocalizzazione ante litteram. Il protagonista era un giornalista coinvolto in pericolose inchieste in America latina. Dovevamo girare in Cile ma all’ultimo si optò per Cuba. Una scelta azzardata che si dimostrò meno problematica del previsto: trovammo maestranze professionali ed entusiaste. Noi italiani eravamo pochissimi: io, i protagonisti Debora Caprioglio e Alberto Gimignani, un paio di incaricati della produzione e poco più. Ma alla realizzazione lavorarono più di 150 persone. Partivamo da zero: restai là per 7 mesi».

Come era Cuba?
«I russi erano andati via e avevano sospeso ogni aiuto. L’embargo americano era duro. L’Avana era un luogo anomalo, fuori dal tempo. La gente era meravigliosa. Per anni ho sperato di trovare un’occasione di lavoro per tornarci».

Debora Caprioglio: altra scelta a rischio. Allora era nota soprattutto per la relazione con Kinski e per Paprika di Brass.
«Era un nome popolare. E stava cercando una svolta alla sua carriera. Subito dopo infatti arrivarono il film con Francesca Archibugi e il teatro. Fu molto disponibile. Ricordo che portò lei i costumi di scena: arrivò carica di bellissimi abiti, tutti firmati».

Parafrasando: lei non è finito a Berlino, bensì a New York.
«Come scrisse Stefano Reggiani su La Stampa, quella di Centovetrine era una realtà produttiva di tipo americano. Finita quell’esperienza, dopo qualche anno a Roma, volendo fare una scelta radicale e temeraria, ho deciso di ripartire da qui. Ho ripreso a dipingere, faccio l’illustratore. E intanto sviluppo nuovi progetti: uno che riguarda Cuba, un altro che è coproduzione italiana con partnership Usa. Ho appena finito il doc Long Lasting Love, sul fotografo Harvey Stein (sto studiando una piccola serie su artisti americani). Ogni tanto mi capita di ripensare agli anni di quel mio film, i primi del Torino Film Festival ancora Torino Giovani: c’era una generazione di giovani registi che cercava di ripensare il cinema. C’è riuscita? Si è persa? Sarebbe bello scriverne in un libricino, dedicarle una retrospettiva. Giusto per non disperderne la memoria».




domenica 26 luglio 2015

ZAPATEANDO CUBA Guanabo. La Habana.

Guanabo, es una conocida playa de arenas blancas, situada 27 km al este de La Habana (estas playas son llamadas genéricamente "Playas del Este"), junto a la desembocadura del río homónimo.
El poblado original de Guanabo (llamado actualmente Guanabo Viejo) Fue fundado por colonos españoles, según algunos el día 26 de julio de 1803, al sur de la playa en la línea del Ferrocarril de Hershey. El toponímico Guanabo es de origen indígena taíno o siboney y significa Las Palmas o El Palmar (de "guana", palma y "abo", sufijo para denominar el plural).
Su población supera los 15 000 habitantes y el poblado está caracterizado por viviendas bajas. Antes de 1961 pertenecía al municipio Guanabacoa. Se integra en el municipio La Habana del Este en el momento e su creación en 1976.
El principal renglón económico es el turismo nacional y en menor medida el extranjero. Es reconocido como una de las zonas de playas más populares de la ciudad de La Habana y es visitada por decenas de miles de personas en los meses veraniegos de julio y agosto.

mercoledì 22 luglio 2015

¿Qué música se escucha en Cuba?

La música cubana es, sin discusión alguna, una de más ricas y singulares del mundo. A diferencia de muchas naciones, en el gran caimán predominan ritmos que son sólo suyos o que se han hecho populares gracias al talento artístico interno.
El cubano es un ser musical, eso es seguro, en cualquier parte del mundo donde se encuentre, su “tumbao” lo delata. Su forman de caminar, de hablar y hasta de hacer el amor, son expresiones físicas de la clave y la timba que lleva dentro, y de las cuales se apropia sin darse cuenta. Hayamos nacido en un solar de Centro Habana, en una casa de Miramar o en Miami, el sonido de los tambores africanos y del cajón español nos conmueve, nos toca esa fibra que nos recuerda que somos de Cuba –en menor o mayor medida- hasta el último de nuestros días.
En la actualidad, la Mayor de las Antillas ha florecido significativamente en términos musicales. Desconozco la razón específica, pero se han disparado cifras perceptibles y alentadoras en lo referido a producciones fonográficas y de videos clip.
Muchos afirman a que se debe a la proyección política más abierta que sostiene la isla de unos años para acá. La flexibilidad que transpira el gobierno ha suavizado, entre otros aspectos, el plano del arte. Cuba se ha abierto al mundo y este ha entrado sin preguntar –junto con Isaac Delgado-.
Jóvenes de barrios humildes de La Habana como Gente de Zona -los Wisin y Yandel cubanos- comparten escenario con figuras de talla universal como Enrique Iglesias, Marc Anthony, Pitbull , Chino y Nacho, etc. Y producen, a un ritmo extraordinario, una música que se escucha –me atrevo a decir- en casi todo el mundo.
Más allá de lo cuantitativo, es incuestionable la calidad y exquisitez de muchas composiciones y arreglos; me refiero, por ejemplo, al trabajo de Alexander Abreu (La Vuelta al Mundo), de Descémer Bueno, Leoni Torres (Salseando) y otros muchos.
Una frescura melódica –sin abandonar la esencia del género- y la profundidad en las letras, son rasgos que definen esta nueva generación de jóvenes músicos.
La salsa cubana, que ha tendido a fusionarse con el reguetón y ritmos internacionales, tiene nombre de mujer: Laritza Bacallao (Solo se vive una vez). La portentosa voz de esta cantante la convierte en una de las nouvelles artistas más destacadas que ha hecho sonar el nombre de Cuba en numerosos escenarios del mundo.
Por los géneros alternativos también emergen voces femeninas como la de Haydee Milanés (Palabras) y Diana Fuentes (Planeta Planetario), con amplia repercusión internacional, y otras masculinas como Buena Fe (Soy) y Adrián Berazaín (Si te Hago Canción).
Para los que prefieren el latin jazz, otros dos prominentes músicos se destacan: el pianista Roberto Fonseca y el bajista Gastón Joya.
Y por supuesto, siempre están los que, como yo, son fieles a  los clásicos de diversos géneros bailables: los Van Van, Adalberto Álvarez, Habana Abierta o Interactivo.

giovedì 25 giugno 2015

TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE A CUBA Marco Mazzucchelli vive e lavora a Cuba dove è direttore generale di 2 alberghi

Ciao come ti chiami?
Ciao sono Marco Mazzucchelli e ho 42 anni.

Da quanto tempo  ti sei trasferito a Cuba?
Nel 1996 mi trasferì in Repubblica Domenicana, esattamente a Las Galeras De Samaná, dove ho ancora una casa. Ho vissuto lì fino al 2001, dopodiché mi trasferii a Juan Dolio, per ragioni di lavoro. Da lì a Santo Domingo, dopodiché nuovamente a Samaná; poi a Rio S.Juan e dal 2008 Cuba, dove risiedo attualmente.

Perché hai scelto proprio Cuba per cambiare vita?
Ci ero stato in vacanza ed avevo visto la possibilità di ritagliarmi uno spazio.

Dove vivevi in Italia?
Vivevo a Genova.

Hai studiato e avuto il tuo diploma a Genova?
Sì, ho un diploma di Liceo Scientifico a Genova, e studi di Amministrazione d´impresa  all'estero.

Come mai hai deciso di andare via dall’Italia?
Avevo un desiderio di provare qualcosa di diverso e spirito d´avventura.

E’ stato difficile ambientarsi a Cuba?
All'inizio lo é stato. Avevo solo 26 anni, non conoscevo la lingua e calarsi in una realtà  profondamente diversa da quella Italiana non è stato semplicissimo. Comunque tutte le difficoltà aiutano a crescere.

I tuoi parenti e amici più stretti cosa ti avevano consigliato?
Consigli non me ne hanno dati, o almeno non ricordo. La maggior parte pensavano stessi facendo un errore.


Com’era la tua giornata tipo in Italia?
La mia giornata tipo in Italia... é passato tanto tempo ed ero molto giovane... direi lavoro, la compagnia di amici, la fidanzata, la Sampdoria... non necessariamente in questo ordine.

Di cosa ti occupi ora esattamente?
Sono Direttore Generale di 2 alberghi della Catena Meliá Hotels Internationals in Cuba.

Sei soddisfatto del tuo nuovo lavoro a Cuba?
Molto. Amo il mio lavoro, a prescindere dal fatto che mi assorbe quasi tutta la giornata.

Quali sono i tuoi hobby?
La Pesca subacquea

Vivi da solo o hai una tua famiglia?
Attualmente convivo.

Come ti trovi a vivere a Cuba, lo consiglieresti ad altri Italiani per una vacanza o per viverci?
Per una vacanza assolutamente. Cuba é un paese bellissimo, con sapori autentici ed una cultura che non ha uguali nei Caraibi. Tra l'altro, é molto sicuro; cosa che non si può dire di molti altri posti a queste latitudini. Per quanto riguarda la possibilità di viverci, conosco molti Italiani che risiedono qui, più che altro a La Habana, però ce ne sono in tutte le provincie. Per viverci? Perché no?
Hai avuto difficoltà nel tuo trasferimento a Cuba?
No, comunque é giusto sottolineare che si é occupata di tutto l´impresa che mi ha  contrattato. Sono entrato con un permesso di lavoro.
Come ti immagini tra 20 anni?
Francamente, non ne ho idea. Non amo guardare così avanti nel tempo. Mi auguro la  salute, il resto si vedrà.

Sei rimasto in contatto con i tuoi parenti e i tuoi amici Italiani?
Certo che si! Molti unendo l´utile al dilettevole sono venuti a trovarmi in questi anni ed io torno in Italia in vacanza spesso.

Che ne pensi di Facebook, Skype, ecc… li utilizzi?
Le reti sociali sono vitali nel mio lavoro. A livello personale, uso Facebook…  per le altre  qua  é un poco complicato.
Cosa ti manca della tua città, ne hai nostalgia?
Di tante cose... ovviamente la famiglia e gli amici; certi posti che rappresentano ricordi piacevoli, certi sapori della mia terra... e la mia amata Sampdoria.
Sapresti descrivermi 3 culture di Cuba?
Cuba é il risultato di una mescola di varie culture. Tra le più presenti,
la Spagnola, la Africana e poi tracce di altre, come per esempio la nostra.

Cosa ti piace di più’ di Cuba?
Che il Cubano, nonostante gli enormi problemi con cui convive non perde il buon umore. Un altro aspetto che merita essere citato é il livello culturale della popolazione. Generalmente più alto della media del continente.

Ci vivono molti Italiani a Cuba nella zona dove vivi tu?
Attualmente, vivo in un atollo a 52 km da Caibarien, nella provincia di S. Clara. Ovviamente, qui ci sono solo installazioni turistiche e non ci vive nessuno, eccetto noi che ci lavoriamo.
Nella provincia Italiani ce ne sono, anche se non credo tanti come a La Habana, Matanzas o Holguin.




MOLLO TUTTO CUBA Marco Mazzucchelli

Come ti trovi a vivere a Cuba, lo consiglieresti ad altri Italiani per una vacanza o per viverci?
Per una vacanza assolutamente. Cuba é un paese bellissimo, con sapori autentici ed una cultura che non ha uguali nei Caraibi. Tra l'altro, é molto sicuro; cosa che non si può dire di molti altri posti a queste latitudini. Per quanto riguarda la possibilità di viverci, conosco molti Italiani che risiedono qui, più che altro a La Habana, però ce ne sono in tutte le provincie. Per viverci? Perché no?
Hai avuto difficoltà nel tuo trasferimento a Cuba?
No, comunque é giusto sottolineare che si é occupata di tutto l´impresa che mi ha  contrattato. Sono entrato con un permesso di lavoro.
Come ti immagini tra 20 anni?
Francamente, non ne ho idea. Non amo guardare così avanti nel tempo. Mi auguro la  salute, il resto si vedrà.

Sei rimasto in contatto con i tuoi parenti e i tuoi amici Italiani?
Certo che si! Molti unendo l´utile al dilettevole sono venuti a trovarmi in questi anni ed io torno in Italia in vacanza spesso.

Che ne pensi di Facebook, Skype, ecc… li utilizzi?
Le reti sociali sono vitali nel mio lavoro. A livello personale, uso Facebook…  per le altre  qua  é un poco complicato.
Cosa ti manca della tua città, ne hai nostalgia?
Di tante cose... ovviamente la famiglia e gli amici; certi posti che rappresentano ricordi piacevoli, certi sapori della mia terra... e la mia amata Sampdoria.
Sapresti descrivermi 3 culture di Cuba?
Cuba é il risultato di una mescola di varie culture. Tra le più presenti,
la Spagnola, la Africana e poi tracce di altre, come per esempio la nostra.

Cosa ti piace di più’ di Cuba?
Che il Cubano, nonostante gli enormi problemi con cui convive non perde il buon umore. Un altro aspetto che merita essere citato é il livello culturale della popolazione. Generalmente più alto della media del continente.

Ci vivono molti Italiani a Cuba nella zona dove vivi tu?
Attualmente, vivo in un atollo a 52 km da Caibarien, nella provincia di S. Clara. Ovviamente, qui ci sono solo installazioni turistiche e non ci vive nessuno, eccetto noi che ci lavoriamo.
Nella provincia Italiani ce ne sono, anche se non credo tanti come a La Habana, Matanzas o Holguin.


Quali sono le maggiori differenze di vita che vedi tra l’Italia e Cuba?
Cuba é un paese che soffre da decenni la decisione degli USA di danneggiarlo economicamente, impedendogli accedere ai mercati Internazionali, per cui le ripercussioni nel quotidiano sono enormi.
Ciononostante, o sarà proprio per questo, le relazioni interpersonali sono più vere e sincere. Più che esempi che lasciano il tempo che trovano, la forma di vivere qua  mi ricorda molto quella del paesino di campagna dove andavo in estate da bambino. Tutti che si conoscono e si aiutano; nessuno che si preoccupa di chiudere la porta quando esce di casa. I bambini che giocano in piazzetta o nei prati e le persone che fanno notte parlando, sedute al ciglio della strada.

Sei più tornato in Italia a trovare famiglia e amici?
Diverse volte in vacanza. L´ultima a settembre dell'anno scorso.

Torneresti mai a vivere in Italia?
Mai dire mai, comunque a corto raggio non credo proprio.
  

domenica 21 giugno 2015

Amori e disastri

Viaggio tra gli italiani a Cuba che si sono trasferiti a Cuba perché speravano di fare business, o perché la pensione era troppo bassa, o perché sognavano la passione dei 20 anni. Gli italiani dell'Avana
Alla Panaderia Francesa i croissant fanno abbastanza schifo, ma come dice Luigi «se chiudi gli occhi e annusi, un po’ ci puoi credere di essere a Parigi». Funziona, ma solo se contemporaneamente ti tappi anche le orecchie. Perché se no sembra di stare in un bar di Brescia: nel locale cubano che sogna di essere francese si sente parlare soltanto italiano. Olé. Capelli bianchi, occhiali a specchio, bermuda e scarpa stringata, i pensionati italiani che vivono all’Avana vecchia si ritrovano sempre qui la mattina a bere l’espresso, riempire i posaceneri di cicche, parlare di calcio e di politica («se fossi Renzi», «se fossi Grillo»), un po’ come al circolino.
NESSUNA TRACCIA
All’ambasciata italiana non sanno dire con esattezza quanti siano i connazionali che decidono di invecchiare sull’isola: quasi nessuno si iscrive all’Aire (l’anagrafe italiani residenti all’estero), quasi nessuno ha problemi, quasi nessuno si sposa o divorzia, quindi la rappresentanza diplomatica non ha traccia delle loro esistenze. Ci sono quelli del centro storico della capitale, quelli che stanno nel più residenziale Vedado, quelli che invece hanno scelto di vivere sulla spiaggia, a Guanabo, a mezz’ora dall’Avana, dove c’è il Mar dei Caraibi, ma anche delle ottime pizzerie italiane.
«QUI PER NON SENTIRE FREDDO»
Quando vado per incontrarli sbaglio orario: mi avevano raccontato delle loro interminabili partite a scopa, ma arrivo troppo presto e stanno tutti ancora facendo il riposino. Stanno tendenzialmente sempre in gruppo e, anche se non vivono vicini, hanno i loro appuntamenti fissi. Per quelli della zona Vedado c’è quello, ogni mattina, alla piscina dell’Hotel Occidental Miramar. Tra gli habitué del posto c’è Antonio, 70 anni, un passato come dirigente di banca. «Perché sono qui? Perché a un certo punto della vita ho deciso che non avrei mai più indossato un cappotto. Sono un meridionale trapiantato di forza al Nord: Dio quanto freddo ho patito!».
LE TRE CATEGORIE DI ITALIANI
Tra tutti quelli che ho incontrato lui è l’unico che mi racconta di andare al cinema (costo: 1 peso cubano, tipo meno di un euro), a teatro (meno di dieci euro). «Fanno anche balletti bellissimi, ci vado sempre solo, a nessuno dei miei amici frega niente della cultura », dice. Sui connazionali suoi coetanei ha una sua teoria: «Ci sono tre categorie di italiani che vengono a Cuba: la prima è di quelli che sperano di fare business dalla mattina alla sera. Illusi. La seconda di quelli che in Italia non riescono a vivere della loro pensione e qui sì. La terza è formata da quelli che vengono alla ricerca del tempo perduto. Questi – se mi consente la pignoleria – si dividono in due sottocategorie: i vecchi rincoglioniti che vengono a cercare l’amore eterno e i vecchi rincoglioniti che vogliono divertirsi. Ecco, io appartengo a quest’ultima».
STORIA DI BRUNO

domenica 14 giugno 2015

OMAGGIO AL “CHE” GUEVARA A 87 ANNI DALLA SUA NASCITA.

Il Che Guevara: un simbolo, un ideale, un modello. Oggi14 giugno 2015 avrebbe compiuto 87 anni se non fosse stato ucciso nelle montagne della Bolivia dall’esercito boliviano che represse la guerriglia comandata dallo stesso “Che”. Una figura che a 47 anni dalla sua morte risveglia ancora gli animi intorpiditi dal consumismo, fa sorgere aspirazioni e iniziative concrete, riesce a unire formalmente in una grande manifestazione i movimenti di sinistra di tutta l’America latina.
Ogni paese ha i propri eroi, e si sente orgoglioso della propria storia, ma il Che appartiene a tutti perché non considerò come sua patria il luogo dove era nato o quello dove si era stabilito, ma qualsiasi angolo del mondo nel quale la sopraffazione e l'ingiustizia offendessero l'uomo, e chiamassero alla ribellione. Su alcuni siti web o manuali di storia la sua biografia è aperta dalla definizione "Rivoluzionario cubano..." o "Guerrigliero cubano...". Era Argentino, ma soltanto per caso. Poteva nascere in qualsiasi posto, come accade ai grandi personaggi, poteva essere asiatico o africano, e lo fu, combattendo in Congo e girando l'Indocina, partecipando con trasporto a tutto quanto riguardasse l'umanità ovunque. Poteva morire boliviano, e lo fece, portando ai contadini senza coscienza l'idea della ribellione ai tiranni. Poteva vivere uomo, padre, amante e amico, poteva dare ai suoi figli poco, intensissimo tempo e amore, poteva sperare e lavorare perché avessero più dignità, e lo fece. Non avrebbe potuto usare la sua professione di medico per costruirsi ville e acquistare panfili, ma non per questo ebbe mai una ideologica estetica della povertà, che vedeva come il male principale da estirpare per fondare una umanità degna. I suoi insegnamenti, la sua stessa brevissima esistenza dimostrano che pensava una società umana e vera, quell'hombre nuevo che avrebbe realizzato la società diversamente ricca cara a tutti noi, non importa l’età. Anche per questo lo sentiamo nostro, anche per questo è di tutti coloro che non si rassegnano.
FELIZ CUMPLEAÑOS MI COMANDANTE. HASTA SIEMPRE!

lunedì 30 marzo 2015

Mégano-playa del este






La mia preferita,ottima spiaggia,pulita e tranquilla.Ottimo posto per passare una giornata tranquilla con novie e/o  amici, ideale per la famiglia.

giovedì 26 marzo 2015

Un'avventura tutta bresciana: "Ho aperto una piadineria a Cuba"“

Cuba: il bresciano Silvano Mamone apre una piadineria

“Dimmi dell'India, hai più pensato a quel progetto di esportare la piadina romagnola?”

Così cantava Samuele Bersani nell’ormai lontano 1995. Ad esportare la piadina romagnola, adesso, ci ha pensato il bresciano Silvano Mamone, 40enne di Toscolano Maderno.
Niente Asia, però, ma la caraibica Cuba che ha da poco festeggiato la fine dell’embargo. Il locale, racconta il Gdb, è stato aperto in calle Simon Bolìvar a Trinidad, provincia di Sancti Spiritu. Sopra la porta d’ingresso campeggia l’insegna “Bella Piada”, marchio di cui è titolare un altro toscomadernese, Andrea Fanelli.
Un’avventura tutt’altro che facile, quella di Simone. Ma Trinidad - soleggiato patrimonio dell’Unesco dal 1988 - è in fondo un bel posto in cui tentare la fortuna e rifarsi una vita.

anche se non è romagnolo come me,faccio il tifo per lui.
interessante la parte dove il giornalista scrive  ''Cuba che ha da poco festeggiato la fine dell’embargo.'',non capisco se è una previsione a breve o se vuole portare sfiga.....



Potrebbe interessarti: http://www.bresciatoday.it/economia/cuba-trinidad-piadineria-bella-piada.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/BresciaToday/201440466543150

venerdì 20 marzo 2015

Super panino

il panino imperiale a guanabo,questo locale sta spiazzando tutti gli altri, quale è il suo nome?

giovedì 5 febbraio 2015

Casa de renta en Guanabo ''giselle''














casa con jardin, garaje, piscina, terraza,portal,sala, comedor, cocina, 3 hab climatizadas con 3 banos, aire central.a 500 mts.
email .

jaimeguanabo@gmail.com