domenica 14 giugno 2015

OMAGGIO AL “CHE” GUEVARA A 87 ANNI DALLA SUA NASCITA.

Il Che Guevara: un simbolo, un ideale, un modello. Oggi14 giugno 2015 avrebbe compiuto 87 anni se non fosse stato ucciso nelle montagne della Bolivia dall’esercito boliviano che represse la guerriglia comandata dallo stesso “Che”. Una figura che a 47 anni dalla sua morte risveglia ancora gli animi intorpiditi dal consumismo, fa sorgere aspirazioni e iniziative concrete, riesce a unire formalmente in una grande manifestazione i movimenti di sinistra di tutta l’America latina.
Ogni paese ha i propri eroi, e si sente orgoglioso della propria storia, ma il Che appartiene a tutti perché non considerò come sua patria il luogo dove era nato o quello dove si era stabilito, ma qualsiasi angolo del mondo nel quale la sopraffazione e l'ingiustizia offendessero l'uomo, e chiamassero alla ribellione. Su alcuni siti web o manuali di storia la sua biografia è aperta dalla definizione "Rivoluzionario cubano..." o "Guerrigliero cubano...". Era Argentino, ma soltanto per caso. Poteva nascere in qualsiasi posto, come accade ai grandi personaggi, poteva essere asiatico o africano, e lo fu, combattendo in Congo e girando l'Indocina, partecipando con trasporto a tutto quanto riguardasse l'umanità ovunque. Poteva morire boliviano, e lo fece, portando ai contadini senza coscienza l'idea della ribellione ai tiranni. Poteva vivere uomo, padre, amante e amico, poteva dare ai suoi figli poco, intensissimo tempo e amore, poteva sperare e lavorare perché avessero più dignità, e lo fece. Non avrebbe potuto usare la sua professione di medico per costruirsi ville e acquistare panfili, ma non per questo ebbe mai una ideologica estetica della povertà, che vedeva come il male principale da estirpare per fondare una umanità degna. I suoi insegnamenti, la sua stessa brevissima esistenza dimostrano che pensava una società umana e vera, quell'hombre nuevo che avrebbe realizzato la società diversamente ricca cara a tutti noi, non importa l’età. Anche per questo lo sentiamo nostro, anche per questo è di tutti coloro che non si rassegnano.
FELIZ CUMPLEAÑOS MI COMANDANTE. HASTA SIEMPRE!

Nessun commento: